Comitato di sorveglianza 20 maggio 2016

Il 20 maggio scorso, ad Aosta, si è riunito il Comitato di sor-veglianza del Programma Competitività regionale 2007/13 e del Programma Investimenti per la crescita e l’occupazione 2014/20 cofi-nanziati dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR). 
La riunione è stata presieduta dal Presidente della Regione, Augusto Rollandin, e vi hanno preso parte i rappresentanti della Direzione generale Poli-tica regionale della Commis-sione europea, del Diparti-mento per le politiche di coe-sione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Mi-nistero dell’economia e delle finanze, del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, dell’Agenzia per la coesione territoriale, della Regione e del Partenariato istituzionale, economico e sociale. 
L’incontro ha preso avvio con l’esame della chiusura del Programma 2007/13, il cui termine per l’ammissibilità delle spese era fissato al 31 dicembre 2015, ed è prose-guito con l’analisi delle attività avviate in seno al  nuovo Programma operativo. 
Per quanto riguarda il Pro-gramma FESR Competitività regionale 2007/13, il Comita-to è stato informato sullo sta-to di attuazione del Pro-gramma in termini di risultati raggiunti, sull’attività di co-municazione messa in atto nel corso del 2015, sulla valuta-zione e sul Rapporto annuale di controllo. 
Per quanto riguarda il Pro-gramma Investimenti per la crescita e l’occupazione 2014/20 (FESR), il Comitato ha esaminato e approvato il Rapporto annuale di attua-zione (RAA)  al 31 dicembre 2015, documento che mette in evidenza l’avvio positivo dei primi progetti. 
Il Comitato è stato informato, inoltre, sullo stato di avanza-mento del nuovo Programma da parte dei rappresentanti delle Strutture regionali re-sponsabili dell’attuazione del-le singole azioni, presenti in seno al Comitato. Gli interven-ti cofinanziati dal Programma sono, pertanto, finalizzati alla promozione dell’innovazione, al sostegno della competitivi-tà delle imprese e del territo-rio, al miglioramento delle nuove tecnologie dell’informazione e della co-municazione e alla riduzione delle emissioni di carbonio.
Il Comitato è stato, inoltre, in-formato sulle attività di co-municazione e sull’adempimento degli ob-blighi di e-cohesion.   
Per quanto riguarda le attività di comunicazione del nuovo Programma, fondamentale risulta essere la Strategia uni-taria di comunicazione della Politica regionale di sviluppo, che fornisce una chiave di let-tura d’insieme  del contenuto dei fondi strutturali a favore dello sviluppo regionale. 
La stessa definisce l’approccio integrato che si intende adot-tare in materia di informazio-ne e comunicazione, al fine di mettere in evidenza le oppor-tunità di investimento esi-stenti, i risultati ottenuti dai singoli programmi operativi, le realizzazioni effettuate sul territorio regionale, illustran-do ai cittadini e ai potenziali beneficiari gli investimenti effettuati dall’Unione europea e dagli Stati membri con il concorso della Regione. 
Si tratta certamente di un va-lore aggiunto a garanzia di trasparenza e di effettiva ac-cessibilità alle informazioni sulle opportunità che i Fondi strutturali e di investimento europei rappresentano.
La riunione è stata, quindi, un’occasione per informare il Comitato circa lo stato di avanzamento delle azioni vol-te a soddisfare le condiziona-lità ex-ante e per illustrare le attività relative al monitorag-gio del Piano di rafforzamen-to amministrativo. 

Il 20 maggio scorso, ad Aosta, si è riunito il Comitato di sorveglianza del Programma Investimenti per la crescita e l’occupazione 2014/20 cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR). 

La riunione è stata presieduta dal Presidente della Regione, Augusto Rollandin, e vi hanno preso parte i rappresentanti della Direzione generale Politica regionale della Commissione europea, del Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dell’economia e delle finanze, del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, dell’Agenzia per la coesione territoriale e della Regione. 

L’incontro ha preso avvio con l’esame della chiusura del Programma 2007/13, il cui termine per l’ammissibilità delle spese era fissato al 31 dicembre 2015, ed è proseguito con l’analisi delle attività avviate in seno al  nuovo Programma operativo. Per quanto riguarda il Programma FESR Competitività regionale 2007/13, il Comitato è stato informato sullo stato di attuazione del Programma in termini di risultati raggiunti, sull’attività di comunicazione messa in atto nel corso del 2015, sulla valutazione e sul Rapporto annuale di controllo. 

Per quanto riguarda il Programma Investimenti per la crescita e l’occupazione 2014/20 (FESR), il Comitato ha esaminato e approvato il Rapporto annuale di attuazione (RAA)  al 31 dicembre 2015, documento che mette in evidenza l’avvio positivo dei primi progetti. Il Comitato è stato informato, inoltre, sullo stato di avanzamento del nuovo Programma da parte dei rappresentanti delle Strutture regionali responsabili dell’attuazione delle singole azioni, presenti in seno al Comitato.

Gli interventi cofinanziati dal Programma sono, pertanto, finalizzati alla promozione dell’innovazione, al sostegno della competitività delle imprese e del territorio, al miglioramento delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione e alla riduzione delle emissioni di carbonio.

Il Comitato è stato, inoltre, informato sulla politica regionale di sviluppo 2014/20 della Valle d'Aosta, sulle attività relative al monitoraggio del Piano di rafforzamento amministrativo, sulle attività di comunicazione e sull’adempimento degli obblighi di e-cohesion.  

Per quanto riguarda le attività di comunicazione del nuovo Programma, fondamentale risulta essere la Strategia unitaria di comunicazione della Politica regionale di sviluppo, che fornisce una chiave di lettura d’insieme  del contenuto dei fondi strutturali a favore dello sviluppo regionale. La stessa definisce l’approccio integrato che si intende adottare in materia di informazione e comunicazione, al fine di mettere in evidenza le opportunità di investimento esistenti, i risultati ottenuti dai singoli programmi operativi, le realizzazioni effettuate sul territorio regionale, illustrando ai cittadini e ai potenziali beneficiari gli investimenti effettuati dall’Unione europea e dagli Stati membri con il concorso della Regione. Si tratta certamente di un valore aggiunto a garanzia di trasparenza e di effettiva accessibilità alle informazioni sulle opportunità che i Fondi strutturali e di investimento europei rappresentano.

La riunione è stata, quindi, un’occasione per informare il Comitato circa lo stato di avanzamento delle azioni volte a soddisfare le condizionalità ex-ante. 

 

 




Torna su