Comitato di Sorveglianza 31 maggio 2017

Si è riunito il 31 maggio 2017, ad Aosta, il Comitato di sorveglianza del Programma Investimenti per la crescita e l’occupazione 2014/20 della Valle d’Aosta, cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR).

La riunione è stata presieduta dal Presidente della Regione, Pierluigi Marquis, e vi hanno preso parte i rappresentanti della Direzione generale Politica regionale della Commissione europea, Rosanna Micciché, dell’Agenzia per la coesione territoriale, Carla Cosentino e Elisabetta Sbarbaro, della Regione e del Partenariato istituzionale, economico e sociale.

L’incontro ha preso avvio con un’informativa sui valori finanziari raggiunti nell’ambito del Programma 2007/13 FESR, sui risultati conseguiti e sul Rapporto di controllo finale curato dall’Autorità di audit.

E’ seguita l’analisi delle attività avviate in attuazione del Programma Investimenti per la crescita e l’occupazione 2014/20 (FESR). Il Comitato ha approvato il Rapporto annuale di attuazione al 31 dicembre 2016, documento che illustra le azioni e i progetti avviati e il loro stato di attuazione.

Durante i lavori, sono state illustrate le attività di valutazione e comunicazione avviate, gli adempimenti agli obblighi di e-cohesion, previsti dai regolamenti europei, e lo stato di avanzamento delle azioni volte a soddisfare le condizionalità ex ante.

Nel corso della riunione, il Comitato è stato informato circa la procedura di designazione dell’Autorità di gestione e dell’Autorità di certificazione del Programma e le attività di monitoraggio e valutazione della Politica regionale di sviluppo della Valle d’Aosta, oltre che del Piano di rafforzamento amministrativo.

Nell’ambito del Programma FESR 2014/20– ha evidenziato il Presidente della Regione Pierluigi Marquis - l’Amministrazione regionale ha provveduto ad avviare importanti interventi in particolare nel campo della ricerca, delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, del sostegno alle imprese, dell’efficientamento energetico negli edifici pubblici, della mobilità sostenibile e della messa in rete in chiave turistica del sistema dei beni culturali.

Come riportato recentemente dagli organi di stampa, il Programma FESR della Valle d’Aosta risulta il primo in Italia per quanto concerne le risorse allocate e la spesa certificabile - ha concluso il Presidente Marquis– e nonostante un quadro normativo a livello europeo e nazionale oggettivamente molto complesso e nel quale non sempre è semplice districarsi, la Regione sta compiendo un notevole sforzo nel raggiungere i livelli di spesa necessari all’ottenimento di parte delle risorse, così come previsto dai regolamenti europei.

 




Torna su