Concessioni stradali

I provvedimenti di autorizzazione e concessione sulle strade regionali, sono disciplinati dalla legge regionale 20 novembre 2006, n.26 "Nuove disposizioni per la classificazione, la gestione, la manutenzione, il controllo e la tutela delle strade regionali. Abrogazione della legge regionale 10 ottobre 1950, n. 1, e del regolamento regionale 28 maggio 1981, n. 1" come modificata dalla legge regionale 21 luglio 2016, n. 11.

Sono soggetti ad autorizzazione e concessione i seguenti interventi:

a) i depositi, anche temporanei, sulle strade, salvo i casi di carico e scarico temporanei di merci;

b) l'apertura di canali e fossi o escavazione nei terreni laterali a distanza minore della loro profonditÓ, misurata dal confine stradale;

c) la costruzione di attraversamenti o percorrenze aeree e sotterranee per condutture di qualsiasi genere, trasporti funicolari, ponti, manufatti per sovrappassi o sottopassi stradali;

d) la costruzione di accessi e diramazioni, innesti e passi carrabili;

e) l'edificazione e realizzazione di opere di protezione che interessano la sede o le pertinenze stradali;

f) la costruzione o ampliamento di strutture, recinzioni e muri di cinta e piantumazione di alberi, siepi vive o piantagioni di qualsiasi tipo;

g) la collocazione di cartelli ed altri mezzi pubblicitari;

h) l'installazione di segnaletica richiesta da soggetti pubblici o privati;

i) l'occupazione temporanea di suolo, sottosuolo o soprassuolo stradale;

j) l'occupazione per lavori.

In particolare si evidenzia che a decorrere dal 1░ gennaio 2017:

  • nei tratti di strade regionali correnti all'interno dei centri abitati la competenza al rilascio delle autorizzazioni e delle concessioni Ŕ trasferita ai Comuni, ciascuno per il proprio ambito territoriale di riferimento, che provvedono all'adozione dei relativi atti, prescindendo dal nulla osta regionale. L'importo dovuto per l'occupazione e l'uso delle strade regionali e delle relative pertinenze Ŕ determinato ai sensi dei regolamenti comunali vigenti in materia di tassa o di canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche ed Ŕ versato ai Comuni competenti per territorio.
  • nei tratti di strade regionali correnti fuori dai centri abitati al rilascio delle autorizzazioni o delle concessioni provveda la Regione. Il canone dovuto per l'occupazione e l'uso delle strade regionali e delle relative pertinenze Ŕ determinato in misura forfetaria, in base al tariffario di cui all'allegato A della legge regionale 21 luglio 2016, n. 11 ed Ŕ versato alla Regione in un'unica soluzione oppure, su istanza del soggetto interessato, in tre rate quinquennali.

Con deliberazione della Giunta regionale n. 815 del 14 giugno 2019 sono state approvate le modalitÓ e le prescrizioni per il rilascio e per la revoca delle autorizzazioni e delle concessioni di cui all'art. 13, commi 4 e 4bis della l.r. n. 26/2006, nel rispetto dei principi contenuti negli art. 14,15,16 e 17, nonchŔ ogni altro aspetto, di carattere procedimentale, necessario per l'applicazione della l.r. n. 11/2016 in materia di strade regionali. Revoca della DGR 1243/2007.

Per informazioni rivolgersi:

Assessorato Opere pubbliche, Territorio ed Edilizia residenziale pubblica - Via Promis, 2/A ľ Aosta (AO)

Struttura viabilitÓ e opere stradali

Ufficio Concessioniá(Fax 0165-272313)

Orario:

Martedý e Giovedý dalle 9:00 alle 14:00 oppure ai seguenti numeri:

geom. Bonino Leonardo 0165 272818 - cell 3496534503

geom. ComÚ Franca 0165 272730 - cell 3481503421

geom. Omezzoli Claudio 0165 272625 - cell 3493009766

Senesi Liliana 0165 272233

Legge 20 novembre 2006, n. 26 e s.m.i.áá

Nuove disposizioni per la classificazione, la gestione, la manutenzione, il controllo e la tutela delle strade regionali. Abrogazione dellaálegge regionale 10 ottobre 1950, n. 1, e deláregolamento regionale 28 maggio 1981, n. 1.

 



Torna su