Programma di Governo

Aosta, 10 dicembre 2018

 

PROGRAMMA DI GOVERNO

Per dare risposte adeguate alla comunità valdostana e per rilanciare l'azione amministrativa e di governo, si intende:

I) AFFRONTARE LE EMERGENZE

Predisporre e approvare il bilancio previsionale 2019, per dare certezza di risorse ai diversi ambiti.

Revisionare la legge elettorale regionale, la legge per le elezioni comunali, la legge per il sistema delle autonomie e lavorare per garantire la rappresentanza della Valle d’Aosta al Parlamento Europeo.

Creare dialogo, confronto e collaborazione con gli Enti Locali per la modifica della l.r. 48/1995.

Riorganizzare la fiscalità avvalendoci della manovrabilità garantita dalle norme di attuazione, al fine di incoraggiare le assunzioni e rilanciare l'economia, destinare allo sviluppo economico le risorse derivanti dalla valorizzazione del proprio patrimonio (CVA, patrimonio immobiliare, ottimizzazione partecipate regionali). Mantenere le azioni di sostegno per il ricorso al credito del sistema produttivo valdostano.

Creare l'Ente Unico di promozione, che, attraverso la razionale concentrazione delle risorse già disponibili, possa adeguatamente valorizzare il territorio e le singole peculiarità, produzioni ed offerte, in un'accezione moderna e sostenibile.

Garantire la semplificazione dei servizi ai cittadini e alle imprese, tramite la profonda riforma dell'Amministrazione regionale che porti alla riduzione dei tempi di risposte e alla chiara identificazione delle strutture preposte.

Attuare politiche di attrattività per i professionisti del settore sanitario e potenziare la territorializzazione dei servizi, medicina di montagna.

2) PROGETTARE IL FUTURO

Dare certezze al mondo agricolo, anche attraverso l'avvio di tavoli di confronto sulla futura programmazione di sviluppo rurale, da condividere con altri territori montani e da presentare in sede europea, al fine di giungere alla semplificazione del sistema dei pagamenti a favore dei nostri agricoltori.

 

Aumentare il senso di sicurezza delle persone e delle loro comunità, attraverso la legalità, il presidio e il controllo del territorio.

Valorizzare in termini economici il territorio della Valle d'Aosta, le sue peculiarità paesaggistiche, culturali e linguistiche, anche attraverso il rilancio del patrimonio culturale (materiale e immateriale) con l'integrazione e gli interscambi culturali.

Formare i giovani a una visione aperta sul mondo partendo dalle nostre lingue, italiano, francese, francoprovenzale e parlate germaniche, per arrivare al plurilinguismo, con una preparazione moderna, orientata alla conoscenza della propria storia e delle proprie tradizioni, in una prospettiva di sviluppo delle competenze in stretta sinergia col tessuto economico della Regione.

Riorganizzare il welfare adottando un unico percorso di sostegno a favore delle persone e delle famiglie in condizione di disagio socioeconomico (misura unica) per superare l'attuale frammentazione e sovrapposizione. di aiuti. È altresì necessario performare il modello esistente di conciliazione lavoro-famiglia e di attenzione ai disabili e ai nostri anziani.

Salvaguardare il territorio attraverso la puntuale manutenzione dello stesso (creazione di una struttura coordinata per la gestione del territorio e delle sue risorse) e conservare il nostro patrimonio naturale nella prospettiva dello sviluppo ecosostenibile; potenziare la sentieristica e la ciclabilità del territorio al fine di sviluppare politiche ambientali, turistiche e del tempo libero.

Definire un piano di riqualificazione del patrimonio edilizio ed infrastrutturale esistente e di realizzazione di nuove opere coerenti con il nostro territorio e le nostre peculiarità, oltre all'efficientamento di quelle esistenti (ospedale, ferrovia, collegamenti intervallivi, edilizia scolastica).

Inquadrare i trasporti pubblici in un sistema integrato ferro/gomma, con biglietto unico; intervenire nella risoluzione del problema dei costi dell'autostrada e riorganizzare l'aeroporto affinché diventi nuovamente punto di riferimento anche per gli appassionati del volo in montagna.

Attuare interventi efficaci nei settori del lavoro e dello sviluppo economico attraverso: azioni di politica attiva, sia preventiva che di sostegno per persone ed imprese, l’istituzione dell’Agenzia regionale per il lavoro, per rendere univoche e coordinate le politiche regionali per l'occupazione, misure per lo sviluppo delle imprese nei nuovi mercati e contesti comunicativi e per la crescita e la competitività del lavoro artigiano e delle PMI.

 

 

 

 



Torna su