Monitoraggio dell'attività ospedaliera

 

 

 

Ogni anno, a partire dal 1998, la struttura competente in materia di sanità ospedaliera dell'Assessorato sanità, salute e politiche sociali, effettua il monitoraggio dei dati relativi all'attività ospedaliera svolta nella struttura regionale. 

I dati sono stati elaborati mediante la procedura per l'analisi dei dati fornita da INSIEL S.p.A., denominata SSDO, sulla base delle schede di dimissione ospedaliera pervenute dall'Azienda U.S.L. della Valle d'Aosta. 

L'attività di monitoraggio dei dati dell'attività ospedaliera comprende l'attività di verifica della qualità dei dati forniti dall'Azienda U.S.L. della Valle d'Aosta, nonché le rilevazioni effettuate secondo il metodo dei raggruppamenti omogenei di diagnosi (DRG). 

Occorre precisare che fino all'anno 2004 l'Azienda USL ha adottato, per la codifica delle diagnosi e degli interventi chirurgici e procedure diagnostiche e terapeutiche, la classificazione ICD-9-CM versione 1997 con i relativi grouper per l'attribuzione del DRG versione 10 e versione 14.

Dall'anno 2005, con deliberazione della Giunta regionale n. 4986 in data 30 dicembre 2004, è stata introdotta la classificazione ICD-9-CM 2002 con il relativo grouper versione 19, e a partire dal 1° gennaio 2009 viene utilizzata la classificazione ICD-9-CM 2007 associata al grouper 24. 

Il monitoraggio comprende inoltre una sezione dedicata all'analisi delle schede di dimissione mediante il sistema disease staging, che può fornire al lettore una chiave di approfondimento tendente ad indagare anche gli stadi di gravità delle patologie trattate nelle strutture ospedaliere regionali.  

L'attività di monitoraggio è corredata da un'ampia sezione dedicata alle rappresentazioni grafiche che consentono una sintetica ma immediata immagine dell'evoluzione dell'attività nel corso degli anni. 

 

 

 

 



Torna su