Servizi di Politica Attiva dei Centri Impiego

Quali sono i servizi per chi cerca lavoro?

Se cerchi una nuova occupazione, i Centri per l'Impiego regionali offrono diversi servizi ai lavoratori (disoccupati, lavoratori beneficiari di strumenti di sostegno al reddito e a rischio di disoccupazione, occupati):

  • orientamento di base, analisi delle competenze in relazione alla situazione del mercato del lavoro locale e profilazione;
  • ausilio alla ricerca di una occupazione;
  • orientamento specialistico e individualizzato (bilancio delle competenze ed analisi degli eventuali fabbisogni in termini di formazione, esperienze di lavoro o altre misure di politica attiva del lavoro);
  • avviamento ad attività di formazione per la qualificazione e riqualificazione professionale;
  • accompagnamento al lavoro;
  • promozione di esperienze lavorative ai fini di un incremento delle competenze, anche mediante lo strumento del tirocinio.

Chi non lavora è considerato disoccupato?

No. E' disoccupato chi non un lavoro e dichiara la sua Immediata Disponibilità al lavoro (DID) e si impegna a partecipare alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l'impiego.

Se ne ha diritto, il lavoratore può percepire una indennità, la NASPI, il cui importo varia in funzione del periodo lavorativo precedente.

E' sufficiente sottoscrivere una DID per essere considerato disoccupato?

No. Una volta sottoscritta la DID, entro 30 giorni, il lavoratore deve contattare il Centro per l'Impiego, o, se è percettore di NASPI entro 15 giorni, per la profilazione e la stipula di un patto di servizio personalizzato. (d.lgs n. 150/2015)

In cosa consiste il Patto di servizio personalizzato?

E' un accordo tra il lavoratore ed il Centro per l'impiego che definisce puntualmente le azioni, gli strumenti ed i tempi per migliorare le possibilità di occupazione del lavoratore. Tra questi, la disponibilità a partecipare a laboratori di ricerca attiva, corsi di formazione, tirocini formativi, colloqui di orientamento o di pre-selezione.

Sono attività obbligatorie?

Si. Tutte le azioni previste dal Patto di servizio personalizzato sono obbligatorie. La mancata partecipazione ad esse, senza valida giustificazione e motivazione, comporta l'applicazione di sanzioni che condizionano l'importo dell'indenntà NASPI percepita (consulta la sezione dedicata all'indennità NASPI). Nel caso non si percepisca la NASPI, si perde lo stato di disoccupazione dopo tre mancati appuntamenti senza valida giustificazione e motivazione o dopo due mancati appuntamenti a progetti di formazione o di politica attiva del lavoro.

Scarica l'informativa che riprende l'articolo 20 del decreto legislativo 150 del 2015.

 



Torna su