Comunicazioni Obbligatorie Online

 

Sono le Regioni e le Province Autonome che definiscono le modalità per effettuare la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie e che stabiliscono le regole e le soluzioni per accreditarsi al sistema SARE, previsto allo scopo.

Link per accedere ed operare sul sistema della comunicazioni obblgatorie tramite il portale Lavoro per Te  per i datori di lavoro pubblici e privati, le agenzie di somministrazione ed i soggetti abilitati.

 

FAQ - DOMANDE FREQUENTI

 

AVVISO: Valore legale delle FAQ : Il Consiglio di Stato, Adunanza della I Sezione del 16 giugno 2021, si pronuncia sul valore giuridico delle FAQ, chiarendo che queste sono sconosciute all’ordinamento giuridico e pertanto non possono essere assimilate a fonti del diritto. Tuttavia, viene riconosciuto alle stesse un ruolo di carattere applicativo.
FAQ1- errori di logica: 
se inviamo un avviamento il sistema registra un avviamento
se inviamo una rettifica il sistema registra una rettifica dell'avviamento
>> se c'è un ripensamento e bisogna tornare ai dati iniziali : 
-> va inviata una seconda rettifica, il sistema registra una rettifica della rettifica dell'avviamento.
se inviamo un annullamento il sistema annulla l'avviamento rettificato, risultato: il rapporto di lavoro non esiste più.

Valore legale delle FAQ : Il Consiglio di Stato, Adunanza della I Sezione del 16 giugno 2021, si pronuncia sul valore giuridico delle FAQ, chiarendo che queste sono sconosciute all’ordinamento giuridico e pertanto non possono essere assimilate a fonti del diritto. Tuttavia, viene riconosciuto alle stesse un ruolo di carattere applicativo.


1 - Errori di logica

se inviamo un avviamento il sistema registra un avviamento

se inviamo una rettifica il sistema registra una rettifica dell'avviamento

se c'è un ripensamento e bisogna tornare ai dati iniziali : -> va inviata una seconda rettifica, il sistema registra una rettifica della rettifica dell'avviamento

se inviamo un annullamento il sistema annulla l'avviamento rettificato, risultato: il rapporto di lavoro non esiste più.

2- Pubblica amministrazione  

Caso pratico.

Un lavoratore in forza presso un Ente è vincitore di un concorso pubblico presso un altro Ente dove è andato a prendere servizio.

In questo caso non si tratta di trasferimento ma di nuova assunzione.

Il nuovo Ente deve inviare una CO di avviamento.

Il primo Ente, presso il quale il lavoratore era dipendente, deve inviare una CO  di cessazione per dimissioni, indicando la data dell'ultimo giorno di lavoro.

Riguardo al periodo di conservazione, essendo possibile il reintegro presso il primo Ente per conservazione del posto di lavoro in caso di recesso dal nuovo rapporto di lavoro durante il periodo di prova, la cessazione precedentemente inviata andrà revocata con un annullamento.

3- Cambio di appalto

a) si deve fare un vardatori: trasferimento per cessione di contratto, i lavoratori non hanno nessuna interruzione del loro rapporto di lavoro.

> la CO è a carico dell'azienda che prende in carico i lavoratori.

b)e nessuna cessazione per cambio di appalto (non c'è il giustificato motivo oggettivo) da parte dell'azienda cedente. A meno che qualcuno di questi lavoratori rimanga senza lavoro, per esempio nel caso in cui il trasferimento non venga accettato .

 

4 - Chiusura per ferie degli studi professionali - [CIRCOLARE MLPS 20/2008]* prevede che in coincidenza con le ferie o la chiusura dei soggetti abilitati e autorizzati all'invio delle comunicazioni obbligatorie ai quali l'azienda si è affidata per l'invio delle stesse, il datore di lavoro possa inviare la comunicazione preventiva all'assunzione, mediante il [modello UNIURG]** al fax server del Ministero (848.800.131) fermo restando l'obbligo di invio della comunicazione ordinaria al primo giorno utile successivo alla riapertura degli studi professionali o delle associazioni di categoria.

* link 1 = https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2008/08/27/08A06099/sg

** link 2 = https://www.cliclavoro.gov.it/Moduli%20e%20Documenti/UNIURG_AGGIORNATO.v6.pdf

 

5- Fine tempo determinato

La comunicazione relativa alla cessazione del rapporto di lavoro va effettuata solo nei casi di risoluzione anticipata del contratto a termine per qualsiasi causa (consensuale, recesso durante il periodo di prova, dimissioni, licenziamento per giusta causa, ecc.). Quindi se il contratto si conclude alla data prevista, già comunicata con l'avviamento a tempo determinato, non si comunica la cessazione. Le stesse indicazioni valgono per il termine di un contratto prorogato.

 

6 - Datore di lavoro nella Pubblica amministrazione

Al datore di lavoro spetta l'obbligo di invio delle C.O.

Per datore di lavoro nella Pubblica amministrazione si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest’ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale, individuato dall’organo di vertice delle singole amministrazioni tenendo conto dell’ubicazione e dell’ambito funzionale degli uffici nei quali viene svolta l’attività, e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa. In caso di omessa individuazione, o di individuazione non conforme ai criteri sopra indicati, il datore di lavoro coincide con l’organo di vertice medesimo.

(Art 1, comma 2 D.lgs. n. 165/2001 e precisato Art 2, comma 1, punto b D.lgs. 81/2008)

7 - Errore comunicazione duplicata

L'errore indica che è già stata comunicata in precedenza la stessa informazione e che tutti gli Enti ne sono al corrente: bisogna tener conto che tutti devono poter leggere chiaramente ciò che si svolge.
Il sistema rivela un errore di logica quando si verifica la ripetizione di un movimento, per esempio: indicare una data di termine, fare una proroga, p. es. di rettificare la proroga per anticipare il termine e poi inviare nuovamente tale e quale la data alla proroga già inviata.
Si suggerisce di attenersi alle regole generali: di attendere la data dell'evento comunicato avendo tempo fino a cinque giorni lavorativi dopo l'evento per comunicare l'evento stesso.

In caso di dubbi o perplessità gli uffici sono a disposizione per ogni chiarimento ai seguenti contatti:

Tel : 0165 274514 

cpi-aosta@regione.vda.it

 

Lavoro e Fondo Sociale Europeo



Torna su