Elenco Numeri Regione Autonoma Valle d'Aosta

Agroalimentare

EMOZIONI DAL MONDO DELLE FONTINE

«La Fontina est une, une seule pour toute la Vallée d’Aoste, tout le monde doit contribuer afin que ce fromage avec le Cervin imprimé, soit un produit de qualité, toujours. Nous le savons tous bien, il y a des fromages réussis et d’autres moins, quoique les températures et les processus soient exactement les mêmes. Les variables sont nombreuses, la qualité du pâturage, la santé des vaches, la propreté, le savoir-faire du transformateur et de l’affineur... Et puis il y a un autre ingrédient, qui est la passion. Le rapport homme-animal est très complexe et fascinant; un éleveur valdôtain peut raconter dans le détail tous les exploits et tracer sans défauts la généalogie de toutes ses vaches...» Marie Claire Chaberge

di Roberto Ronc
(Servizio sviluppo delle produzioni agro-alimentari e infrastrutture)
Le emozioni che tutti noi, golosi di formaggi, possiamo provare durante una degustazione di Fontine sono infinite; si respira un’aria di tradizione, di civiltà e di cultura millenaria; ci sorprende, ci stupisce e ci impressiona un mondo, quello agricolo, fatto di bovine, di fiori, di montagne, di uomini ricchi di “savoir-faire” ma anche di sudore e di duro lavoro.
 
La magia che abbiamo avvertito durante le degustazioni effettuate nell’ambito del Concorso “Modon d’or-Fontina d’alpadzo 2008” era assolutamente esclusiva, straordinaria ed irripetibile. Il momento della valutazione di una forma di Fontina rappresenta un’esperienza che può essere unica; non si tratta solo di esprimere dei punteggi sulla piacevolezza del formaggio, ma la degustazione deve appassionare e trasformarsi in una fonte di conoscenza, di apprendimento e di confronto.


La Fontina è un simbolo, un patrimonio della Valle d’Aosta; è la regina dei formaggi di montagna ed è come ogni “vedette” adorata o disprezzata, criticata o ricercata. Tutte le estati in Valle d’Aosta si producono circa 80.000 forme di Fontina. Una buona Fontina non è il risultato della semplice somma di diversi fattori (buon pascolo, latte eccellente, bravissimo casaro, eccezionale magazzino di stagionatura), ma è il risultato del legame tra l’uomo, le sue mucche e la montagna, la soddisfazione di aver realizzato un formaggio, la Fontina, che tutte le persone apprezzano e ricercano.

Durante le premiazioni del Concorso tutti noi abbiamo visto sui volti dei nostri “montagnard” la vera soddisfazione e la contentezza per gli eccellenti risultati qualitativi ottenuti. Questa è comunicazione… l’autenticità e la fierezza dei loro volti sono la miglior promozione per la Fontina.

Ci sono ancora molti turisti-consumatori appassionati e curiosi che scelgono la Valle d’Aosta per imparare, conoscere e gustare; a queste persone, con coraggio e passione, dobbiamo narrare il legame tra le nostre montagne e l’uomo, tra il territorio e le sue bovine, tra i pascoli incontaminati, ricchissimi di acqua, di erbe di fiori e i delicati e piacevoli profumi delle Fontine. Sarebbe un peccato non dimostrarci orgogliosi di raccontare di stagioni, di vini, di formaggi, di lardo, di come presentare e proporre questi prodotti della terra definiti ingiustamente “poveri” ma ricchissimi di profumi, di aromi e di sapori; semplicemente, di raccontare col cuore l’arte del saper vivere in Valle d’Aosta.

Ogni Fontina possiede un’anima, un temperamento e un carattere.
La degustazione della Fontina vincitrice di Rino FAVRE ci ha suscitato incredibili emozioni, con entusiasmo pensiamo di poter dire che siamo riusciti a percepire, durante l’assaggio, il carattere calmo, rilassante e distensivo di questo superbo formaggio. La Fontina premiata aveva lo scalzo correttamente concavo, la crosta di un marrone elegante, segno di ottime cure nel magazzino di stagionatura e la pasta di un colore tra il bianco e il giallo paglierino.


Il suo profumo ricordava il latte appena munto con note intense ed invitanti di erbe di sottobosco e fiori di montagna. Il suo gusto presentava una buona ricchezza aromatica, equilibrata sapidità con tono intensamente e armonicamente dolce, la pasta era perfetta, fondente e delicata e dalla struttura di grande morbidezza ed elasticità, piena di carattere, che dimostrava fin dai primi assaggi, di essere una Fontina d’eccezione.

Ogni giorno dobbiamo assaggiare la Fontina e, come consumatori-curiosi, continuare ad emozionarci ed a sognare…
Pagina a cura dell'Assessorato dell'Agricoltura e Risorse Naturali © 2020 Regione Autonoma Valle d'Aosta
Condizioni di utilizzo | Crediti | Contatti | Segnala un errore