Elenco Numeri Regione Autonoma Valle d'Aosta

Meccanica agraria

AIUTI PER INVESTIMENTI NELLE AZIENDE AGRICOLE - DOTAZIONE DI ATTREZZATURE E MACCHINARI

Nuovi criteri per la concessione degli aiuti di stato per l’acquisto di macchine e attrezzature agricole

di Franco Contoz
(Direzione investimenti aziendali e sviluppo zootecnico)

Con la deliberazione n. 808 del 25 marzo 2008 la Giunta regionale ha definito i nuovi criteri per la concessione degli aiuti di cui al titolo II, capo II, comma 1), lettera A), della legge regionale 12 dicembre 2007, n. 32 che riguardano in particolare i contributi per l’acquisto di macchine ed attrezzature agricole.
Per molti aspetti i criteri rispecchiano quelli già in vigore nella programmazione precedente anche se vi sono importanti novità che andremo a elencare.
Sono ammessi a finanziamento macchinari ed attrezzature agricole, compresi gli strumenti informatici necessari alla conduzione e gestione dell’azienda agricola.

L’individuazione degli stessi nonché le loro caratteristiche sono affidate ad una apposita commissione alla quale partecipa anche un rappresentante delle OOPP agricole.
Gli aiuti sono finalizzati a favorire la razionalizzazione della gestione aziendale mediante la riduzione dei costi di produzione, il miglioramento della qualità della produzione, la tutela ed il miglioramento dell’ambiente naturale, delle condizioni di igiene e di benessere degli animali, l’incremento della produzione di energie alternative e da fonti rinnovabili, nonché a migliorare e modernizzare la meccanizzazione aziendale, le condizioni di lavoro degli addetti, la difesa delle colture dalle avversità e dalla fauna selvatica.
Per quanto riguarda i requisiti dei beneficiari, che sono gli imprenditori agricoli ed i conduttori di aziende agricole iscritti all’anagrafe regionale delle aziende agricole, questi devono soddisfare la redditività aziendale, la condizionalità e la sufficiente capacità professionale.

La percentuale del contributo, calcolato sulla base del valore di mercato dell’attrezzatura o macchinario, è la seguente:

  • 45% per i giovani agricoltori, nel quinquennio dal primo insediamento;
  • 40% per le spese di investimento nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli;
  • 35% per gli agricoltori iscritti all’INPS;
  • 40% per le cooperative agricole;
  • 30% in tutti gli altri casi.

Cambiano invece le modalità di presentazione della domanda che deve contenere un preventivo dettagliato (3 preventivi se la spesa è superiore a 10.000,00 Euro) e le caratteristiche tecniche dell’attrezzatura in quanto viene accettata la domanda solo per importi superiori a 600,00 Euro (200,00 Euro per attrezzatura apistica). Su tali basi l’ufficio competente provvede ad impegnare la spesa e l’investimento potrà essere concluso solo successivamente alla comunicazione specifica da parte dell’ufficio stesso.

Altra novità riguarda l’ammissibilità delle domande di contributo per attrezzature e macchinari usati:
a) il bene non deve aver beneficiato di un precedente contributo regionale, nazionale o comunitario nei sette anni precedenti, considerando la decorrenza dei sette anni dalla data di acquisto del bene. A tale scopo, il venditore deve produrre una dichiarazione che attesti il rispetto di tale condizione;
b) l’acquisto deve essere vantaggioso rispetto all’acquisto di materiale nuovo equivalente e rispetto ai prezzi correnti di mercato. Il richiedente deve produrre una dichiarazione, sottoscritta da un tecnico qualificato, che attesta la convenienza dell’acquisto;
c) le caratteristiche devono essere adeguate alle esigenze aziendali e conformi alle norme vigenti. Anche in tale caso deve essere prodotta una dichiarazione redatta da un tecnico qualificato che indica la rispondenza delle caratteristiche dell’attrezzatura o macchinario.

Per tutte le macchine devono essere prodotte le certificazioni necessarie alla circolazione stradale o la dichiarazione di conformità CE oppure per talune attrezzature la certificazione equipollente rilasciata direttamente dal costruttore.

Si ricorda che i requisiti di ammissibilità a contributo devono essere mantenuti per cinque anni, così come l’attrezzatura o macchinario non possono essere ceduti prima di tale termine, pena la restituzione del contributo ricevuto oltre gli interessi relativi.

Come già nel passato verranno effettuati controlli che riguarderanno almeno il 5% delle domande relativamente al rispetto degli impegni assunti al momento della richiesta del contributo.

Per qualsiasi informazione, chiarimento, si rammenta che l’ufficio Attrezzi agricoli/UMA è a disposizione presso l’Assessorato agricoltura e risorse naturali in località Grande Charrière, 64 di Saint-Christophe.

Pagina a cura dell'Assessorato dell'Agricoltura e Risorse Naturali © 2020 Regione Autonoma Valle d'Aosta
Condizioni di utilizzo | Crediti | Contatti | Segnala un errore