4 - 2011

MANIFESTAZIONI

Roberto RONC
Servizio sviluppo delle produzioni
agroalimentari e infrastrutture

CHEESE 2011


L’Assessorato Agricoltura e Risorse naturali ha partecipato a Bra, dal 16 al 19 settembre 2011, all’ottava edizione di Cheese - Le forme del latte, manifestazione internazionale che ogni due anni, per quattro giorni, riunisce il ricco e variegato mondo dei formaggi (casari, pastori, allevatori, stagionatori, affinatori). Nello spazio istituzionale, allestito dal personale dell’Assessorato e situato nella piazza delle Scuole Maschili, più di quattrocento forme di Fontina DOP hanno accolto gli ospiti degli Ateliers de la Vallée. I nostri ateliers, rivolti alle persone curiose, agli appassionati, a tutti quelli che amano i prodotti e i formaggi di montagna, hanno regalato un viaggio “unico” alla scoperta, alla conoscenza e alla degustazione di “eccellenze” quali le DOP Vallée d’Aoste Fromadzo, Jambon de Bosses e Lard d’Arnad. Prodotti semplici, nutrienti e ricercati, che con i loro profumi, i loro aromi e le loro emozioni raccontano l’autenticità del territorio della Valle d’Aosta.
Slow Food ha descritto Cheese con queste parole: “un evento in cui si ascolta, si assaggia, si osserva, si impara, si parla, si chiede e si risponde. E dopo si compra e si vende. Ogni formaggio è un mondo, di sapori, di esperienza, di lavoro, di creatività, di territori”.
Coerente con questa filosofia l’Assessorato ha semplicemente raccontato le eccellenze ragionando e lavorando come una squadra.

Da sinistra: l'Assessore Isabellon, il Presidente Rollandin, Carlo Petrini e Roberto Burdese di Slow Food
 

LE ECCELLENZE

Il gusto della nostra regione è fatto di profumi, sapori, sensazioni ed emozioni; tra le numerose eccellenze, sei grandi Fontine, prodotte negli alpeggi finalisti del concorso Fontina d’Alpage del 2009 e del 2010, si sono raccontate e hanno risvegliato il palato e la memoria dei nostri ospiti. La storia di una Fontina DOP è da sempre una storia che parla di passione; una passione enorme per la montagna e i suoi segreti. Italo Calvino scrisse: “Dietro ogni formaggio c’è un pascolo d’un diverso verde sotto un diverso cielo”.


LA SQUADRA

Gli chef Antonio e Filippo hanno saputo coniugare nella preparazione dei piatti la tradizione e l’innovazione, l’amore per la buona tavola, la “valdostanità” dei prodotti e la ricerca di sapori autentici. Il cibo non è solo sapore, nasconde racconti, è storia; i piatti colorati dei nostri chef hanno raggiunto i sensi dei nostri ospiti prima ancora di essere assaggiati.
I sommelier dell’A.I.S. Valle d’Aosta, Graziano e Giuseppe, hanno valorizzato con professionalità il territorio valdostano, raccontando che proprio nella diversità si trova la ricchezza dei nostri vini; solo capendone la qualità si è disposti a pagarla. Le maestranze del Dipartimento risorse naturali che hanno curato la preparazione degli allestimenti e i funzionari del Dipartimento Agricoltura sono stati, come sempre, essenziali, grazie alla loro professionalità e competenza; un mix vincente che bene si è sposato con il carattere conviviale e ospitale del nostro stand.
Pagina a cura dell'Assessorato dell'Agricoltura e Risorse Naturali © 2021 Regione Autonoma Valle d'Aosta
Condizioni di utilizzo | Crediti | Contatti | Segnala un errore