Direttiva alluvioni e Piano di Gestione del Rischio Alluvioni P.G.R.A.

La Direttiva europea 2007/60/CE, recepita nel diritto italiano con D.Lgs. 49/2010, ha dato avvio ad una nuova fase della politica nazionale per la gestione del rischio di alluvioni, che il Piano di gestione del rischio di alluvioni (PGRA), introdotto dalla Direttiva per ogni distretto idrografico, deve attuare, nel modo più efficace, dirigendo l’azione sulle aree a rischio più significativo, organizzate e gerarchizzate rispetto all’insieme di tutte le aree a rischio e definendo gli obiettivi di sicurezza e le priorità di intervento a scala distrettuale, in modo concertato fra tutte le amministrazioni e gli enti gestori, con la partecipazione dei portatori di interesse e il coinvolgimento del pubblico in generale.

Le misure del piano si devono concentrare su tre obiettivi principali:

-   migliorare nel minor tempo possibile la sicurezza delle popolazioni esposte utilizzando le migliori pratiche e le migliori tecnologie disponibili a condizione che non comportino costi eccessivi;

-   stabilizzare nel breve termine e ridurre nel medio termine i danni sociali ed economici delle alluvioni;

-   favorire un tempestivo ritorno alla normalità in caso di evento.

L’ articolazione su più livelli territoriali e la conseguente declinazione delle linee di azione generali in obiettivi locali sempre più precisi e pertinenti è finalizzato ad organizzare le azioni in ordine di priorità e meglio allocare i finanziamenti sulle azioni più efficaci ed urgenti.

Il piano deve tener conto inoltre della attuale organizzazione del sistema nazionale per la prevenzione, previsione e gestione dei rischi naturali per favorire l’attuazione delle misure e per confermare che le autorità statali, regionali e locali, con le loro azioni congiunte, lavorano insieme per la gestione dei rischi di alluvioni.

L'Autorità di bacino del fiume in collaborazione con le Regioni ha curato la realizzazione del Piano di gestione del rischio di alluvioni (P.G.R.A.).

Con la deliberazione della Giunta regionale n. 1584 del 10/12/2015 ha preso atto delle attività svolte a livello regionale per la redazione del primo Piano di gestione del rischio di alluvioni (PGRA). Il Comitato Istituzionale dell'Autorità di Bacino del fiume Po ha adottato il PGRA nella seduta del 17.12.2015 ed approvato in quella del 3.03.2016.

Con avviso pubblicato sulla GURI del 16 febbraio 2016, n.38 e sul BUR della Regione n. 8 in data 16 febbraio 2016, si è data notizia che nella seduta di Comitato Istituzionale del 17 dicembre 2015 con Deliberazione n. 5/2015, è stato adottato il Progetto di Variante alle NA del PAI e del PAI Delta quale integrazione alle norme di attuazione del PAI vigente volta ad armonizzare gli strumenti di pianificazione di bacino vigenti con il Piano di Gestione del rischio delle alluvioni.

 

 

  • Mappe di pericolosità e di rischio relative al territorio della Valle d'Aosta ai fini della verifica e della consultazione:
 



Torna su