Immigrazione

 

La Valle d'Aosta è caratterizzata da un'immigrazione relativamente recente.

Gli ultimi dati di tipo anagrafico pubblicati dall'Istat si riferiscono al 2016.
Essi indicano in 8.257 i residenti in Valle d'Aosta in possesso di cittadinanza straniera, pari al 6,5% della popolazione totale regionale (popolazione di riferimento al 31/12). Il tasso di femminilizzazione si mantiene elevato (57,1%) e risulta in crescita rispetto al 2005 (51,6%).

 

 

La crescita dei residenti stranieri appare rapida. Infatti, se nel 1993 la popolazione straniera residente in Valle d'Aosta era di circa 1.000 unità, al 1º gennaio 2005 essa era già più che quadruplicata, essendo salita a 4.258. Questa crescita si è poi ulteriormente incrementata di circa il 50% nel corso del triennio successivo. Parallelamente è conseguentemente aumentata l'incidenza degli stranieri sul totale dei residenti in Valle d'Aosta, passando dallo 0,9% del 1993 al 7,3% del 2013 e dal 2014 si registra una flessione costante pari a circa il 7% annuo (popolazione di riferimento al 31/12). Si tratta di un valore che si avvicina a quello medio nazionale, ma che tuttavia risulta ancora decisamente inferiore a quello delle regioni del Nord-Ovest.

Rispetto ai Paesi di provenienza, la graduatoria al 2016 (ultimo dato disponibile) è guidata dalla Romania (30,3%), seguita dal Marocco (19,5%) e dall'Albania (9,7%).

Un elemento a supporto del progressivo radicamento dei cittadini stranieri nella nostra regione è fornito dal numero e dall'incidenza di minori tra gli stranieri residenti. Nel 2008 essi pesano per il 22,2%, mentre solo nel 1996 essi costituivano una percentuale pari al 13% e nel 2005 erano già saliti al 21,4%. Il dato al 2017 è pari invece al 18,1% (popolazione di riferimento al 31/12/2016).

Il tasso di natalità della popolazione straniera, oltre ad essere molto più elevato di quello medio regionale, è in progressivo aumento ad una velocità superiore di quello relativo alla popolazione autoctona sino al 2009 (nel caso dei cittadini stranieri esso era salito, infatti, dal 6,9 per mille nel 1993, al 21,9 per mille nel 2005, al 20,7 per mille nel 2008 mentre nel 2009 è stato del 24,2 per mille). Dal 2010 è cominciata una fase di contrazione ed il tasso di natalitàè pari al 15,8 per mille nel 2016 (popolazione di riferimento al 31/12/2016).

Il numero di possessori di regolari permessi di soggiorno in Valle d'Aosta è passato dai 1.594 del 1992 ai 4.758 del 2007 (dati al primo gennaio). I cittadini non comunitari regolarmente presenti sono passati da 5.162 nel 2008 a 5.468 nel 2017 (dati al primo gennaio). La crescita della presenza straniera evidenzia una notevole accelerazione negli ultimi anni, anche in ragione delle regolarizzazioni. Tra i soggiornanti la presenza femminile è di poco inferiore a quella della popolazione residente ed infatti il tasso di femminilizzazione è del 49,7% a inizio anno 2017.

 




Torna su