Saison Culturelle

L’Assessorato regionale Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio comunica che, in riferimento alle nuove indicazioni relative alle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19, la Saison Culturelle 2019/2020 è stata nuovamente riprogrammata. In seguito al permanere della chiusura di cinema e teatri, gli spettacoli seguenti, programmati nel mese di dicembre sono rinviati al prossimo anno:

MASSIMO LOPEZ e TULLIO SOLENGHI show, MAGNIFICAT, MASSIMO POLIDORI e EVOLUTION DANCE.

Relativamente alla sezione Cinema saranno, non appena possibile, indicate le nuove date delle proiezioni dei titoli rimanenti della programmazione 2019/2020 prolungando la validità degli abbonamenti della sezione Cinema 2019/2020.

 

 

 

Al fine di promuovere e sostenere le arti performative della scena valdostana (teatro, danza, teatro-danza, narrazione, musica vocale e strumentale, circo e performance) prende invece avvio l’Open Call “ÊTRE SAISON en 2021, che fornirà, ponendosi come momento di visibilità e promozione, l’occasione ad artisti valdostani di esibirsi al Teatro Splendor di Aosta, nell’ambito della Saison Culturelle 2021.

ÊTRE SAISON en 2021 è un progetto sperimentale destinato a selezionare un numero variabile di proposte artistiche del territorio (massimo 10), compatibili per una divulgazione anche digitale, da ospitare indicativamente nel periodo dal 15 febbraio al 15 giugno 2021. Gli spettacoli potranno appartenere a qualunque genere (teatro, danza, teatro-danza, narrazione, musica vocale e strumentale, circo, arti visive performative), anche per ragazzi.

La partecipazione alla Open Call è gratuita.

Per l’iscrizione al bando di selezione è necessario inviare entro e non oltre venerdì 15 gennaio 2021, alle ore 12.00, all’indirizzo di posta elettronica attività-culturali@regione.vda.it una e-mail avente come oggetto: OPEN CALL - “ÊTRE SAISON en 2021, contenente la documentazione richiesta dal bando debitamente compilata.

 

 


 

La Saison Culturelle 2021 è realizzata col patrocinio della Fondazione CRT Cassa di Risparmio di Torino.

 

  



Torna su