Museo Archeologico Regionale, mostre d'arte

 

L'edificio che ospita il Museo Archeologico Regionale, conosciuto come ex-caserma Challant, già Convento delle Visitandine, fu fondato nel 1633 dal marchese Pierre-Philibert Roncas, figlio di Pierre-Léonard, segretario di Stato dei Duchi di Savoia e committente del prestigioso palazzo signorile che insiste sulla stessa piazza. Verso la metà del XVIII secolo il monastero assunse l'aspetto architettonico attuale.

I dipinti in facciata, risalenti al XIX secolo, riproducono lo stemma di Casa Savoia e i ritratti dei personaggi di Casa Challant distintisi per meriti militari.

Un percorso di visita è allestito nel sottosuolo del Museo, dove gli scavi hanno messo in luce un’area di epoca romana occupata dalla Porta Principalis Sinistra e da un tratto dell’antico perimetro murario.

Il primo e il secondo piano del palazzo sono sede di prestigiose esposizioni temporanee, tra le quali si ricordino Cielo, terra e acque. La pittura fiamminga e olandese tra Cinquecento e Seicento (2006), Augusta Fragmenta. Vitalità dei materiali dell’antico da Arnolfo di Cambio a Botticelli (2008), Giovanni Segantini e i pittori della montagna (2017), La Strage degli Innocenti. Manifesto del Raffaellismo di Guido Reni (2018), Lucio Fontana (2018) e Carlo Fornara e il Divisionismo (2019) e rassegne monografiche dedicate a grandi artisti quali Mario Sironi (2006), Paul Klee (2011), Vassily Kandinsky (2012), Renato Guttuso (2013), Fortunato Depero (2013) e Enrico Baj (2016). All’ingresso dell’edificio è presente un bookshop dove è possibile acquistare i cataloghi delle mostre d’arte realizzate nel corso degli anni dalla Regione autonoma Valle d’Aosta.

 

ESPOSIZIONE IN CORSO:

Impressionismo tedesco. Liebermann, Slevogt, Corinth dal Landesmuseum di Hannover.

11 luglio - 25 ottobre 2020
dalle 9 alle 19

 

Informazioni:

Museo Archeologico Regionale
Piazza Roncas, 12
11100 AOSTA
tel. +39 0165 275902

 

 



Torna su