Piante monumentali della Valle d'Aosta

Le piante monumentali sono alberi che differiscono dagli altri della stessa specie per età, eccezionali dimensioni, maestosità o particolarità della chioma, luogo peculiare ove sono cresciuti, particolarità botaniche o naturalistiche o paesaggistiche. Altre caratteristiche sono la loro altezza, il diametro del tronco, la forma del castello delle branche o aneddoti storici o leggende, la semplice armonica vicinanza con importanti edifici o monumenti o alberature. Queste particolarità generano un interesse pubblico che induce a proteggerli e preservarli con apposite leggi.

 

Mappa_catasto_piante

CATASTO PIANTE MONUMENTALI DELLA VALLE D'AOSTA

MAPPA INTERATTIVA

(click sull'immagine per accedere alla mappa)

 

 

Dati

DATI DELLE PIANTE MONUMENTALI IN VALLE D'AOSTA
Piante di interesse regionale (singole) 85
Piante di interesse nazionale (singole) 29
Piante di interesse nazionale nei boschi di protezione 79
TOTALE PIANTE TUTELATE 193
 

La normativa vigente fa riferimento alla legge regionale n.50 del 21 agosto 1990 - Tutela delle piante monumentali - e, a livello nazionale, alla legge n.10 del 14 gennaio 2013 - Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani - e al relativo decreto attuativo del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, di concerto con il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo e il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare del 23 ottobre 2014 - Istituzione dell'elenco degli alberi monumentali d'Italia e principi e criteri direttivi per il loro censimento.

In base alle leggi vigenti, si ha quindi una prima definizione di pianta monumentale.

 

 

Definizione di pianta monumentale Definizione di pianta monumentale

Iter di monumentalità

 

Per segnalare nuove piante monumentali secondo il decreto del 23 ottobre 2014, occorre procedere seguendo questi passaggi:
Censimento o segnalazione dell’albero effettuata dal Comune o da altri enti pubblici o da privati;
Compilazione della scheda di segnalazionedell’albero da parte di chi ha effettuato il censimento o dagli organi regionali competenti;
La Regione recepisce le segnalazioni e le esamina, verificando che gli esemplari proposti rispondano ai criteri di monumentalità e ai metodi di censimento elencati nel decreto;
L’Amministrazione regionale provvede a predisporre una scheda di identificazione sulle piante censite e che rispondono ai criteri di monumentalità previsti dalla norma nazionale;
Le schede di identificazione sono inviate al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per la successiva fase di inserimento nell’elenco degli alberi monumentali d’Italia.

Per segnalare nuove piante monumentali occorre procedere seguendo questi passaggi:

  • censimento o segnalazione dell’albero effettuata dal Comune o da altri enti pubblici o da privati;
  • compilazione della scheda di segnalazione dell’albero da parte di chi ha effettuato il censimento o dagli organi regionali competenti;
  • recepimento e esame delle segnalazioni da parte della Regione che verifica che gli esemplari proposti rispondano ai criteri di monumentalità e ai metodi di censimento elencati nel decreto;
  • predisposizione da parte dell'’Amministrazione regionale di una scheda di identificazione delle piante censite che rispondono ai criteri di monumentalità previsti dalla norma nazionale;
  • invio delle schede di identificazione al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per la successiva fase di inserimento nell’elenco degli alberi monumentali d’Italia.

 

Il Ministero provvede a tenere l'Elenco degli alberi monumentali d'Italia, nel quale sono inserite le piante che soddisfano i requisiti di monumentalità previsti dalla legge nazionale; la Regione provvede alla tenuta del Registro delle piante monumentali della Valle d’Aosta, nel quale, oltre alle piante dell’Elenco nazionale, sono presenti alcune piante di interesse specifico della Valle d'Aosta.

 

 

Boschi di protezione

I boschi di protezione tutelati dalla legge regionale e in seguito ripresi come Boschi Vetusti dalla legge nazionale sono formazioni forestali presenti in Valle d’Aosta che nel tempo sono state risparmiate dai tagli per le loro funzioni protettive sopra villaggi o strade o anche aree coltivate. Tali boschi, spesso già citati nei documenti antichi, i cosiddetti Bampo Bandite, hanno potuto conservare esemplari arborei di età avanzata e spesso di dimensioni considerevoli. In Valle d’Aosta sono 6 le formazioni boschive protette dalla legge regionale e al loro interno gli esemplari arborei più maestosi sono stati inseriti nell’elenco nazionale degli alberi monumentali d’Italia.

Boschi di protezione della bassa Valle d’Aosta
COMUNE LOCALITA NUMERO DI ESEMPLARI
Challand-Saint-Victor Biuley 15
Gressoney-Saint-Jean Frei de Recko 6
Gressoney-Saint-Jean Pont-sec 15
Totale alberi inseriti nell’elenco nazionale 36
Boschi di protezione dell’alta Valle d’Aosta
COMUNE LOCALITA NUMERO DI ESEMPLARI
Rhêmes-Notre-Dame Artalle 21
Valgrisenche Arolla 15
Valsavarenche Bien 7
Totale alberi inseriti nell’elenco nazionale 43

 

 

Gestione delle piante monumentali

 

La gestione degli alberi monumentali si articola:
Indagini fitostatichee fitopatologiche per monitorare la stabilità e la presenza di patologie;
Operazioni di potatura, mondatura del secco e rinforzo della stabilità con funi, tiranti e puntelli ove necessario in ambito urbano;
Per le piante iscritte nell’elenco nazionale comunicazione al Ministero degli esiti delle attività su ogni pianta
Abbattimento come ultima ratio ove si presentano situazioni di pericolo per le persone

La gestione degli alberi monumentali si articola in:

  • indagini fitostatichee fitopatologiche per monitorare la stabilità e la presenza di patologie;
  • operazioni di potatura, mondatura del secco e rinforzo della stabilità con funi, tiranti e puntelli ove necessario in ambito urbano;
  • per le piante iscritte nell’elenco nazionale, comunicazione al Ministero degli esiti delle attività su ogni pianta;
  • abbattimento come ultima ratio ove si presentano situazioni di pericolo per le persone.

 

 

Acero del Castello di Quart Acero del Castello di Quart

contatore

 



Torna su