Grassi (Burro, margarina, oli)

BEURO

Il burro della Valle d’Aosta è prodotto negli alpeggi e nei caseifici cooperativi dislocati sul territorio regionale e da sempre ricopre un ruolo fondamentale nell’alimentazione tradizionale. La produzione del burro nelle diverse tipologie si perde nella notte dei tempi.

 

 

BURRO CENTRIFUGATO DI SIERO


Burro centrifugato di siero, prodotto nei grandi caseifici o negli alpeggi, il siero residuo viene posto in una centrifuga, il latticello viene spinto verso la parte esterna del recipiente mentre la crema si ammassa al centro. Quest’ultima viene dapprima raccolta, quindi viene sbattuta con poca acqua calda in una zangola fino a quando si trasforma in burro. Dalla zangola si estraggono singole porzioni di burro che possono essere messe nella panettatrice prima di essere confezionate, o modellate in panetti decorati con caratteristici marchi, anche in legno,come si usava tradizionalmente.

 

 

Burro centrifugato di siero Burro centrifugato di siero

BEURO DE CRAMA (BURRO DI AFFIORAMENTO)

Beuro de crama, ossia il burro di affioramento, è il burro per eccellenza, in particolare quello prodotto durante la stagione estiva, il burro d’alpeggio, dal caratteristico colore dorato, dovuto all’alimentazione ricca e variegata delle bovine o ottenuto nei caseifici del fondo valle durante le altre stagioni. Questo burro prelibato è ricavato da latte intero, durante le fasi di trasformazione del latte in toma,messo a riposare per almeno dodici ore in apposite vasche per l’affioramento della crema, la quale viene raccolta elavorata.

 

 

Beuro Colò Beuro Colò

Beuro de brossa Beuro de brossa

BEURO COLÒ

Ancora ai giorni nostri una parte del burro prodotto o acquistato viene trasformato in beuro coloù, burro fuso.Ottimo condimento, questo particolare prodotto si ottiene portando lentamente ad ebollizione il burro; dopodiché si continua a scaldare e a schiumare su fuoco basso e si ottiene un liquido limpido, quasi trasparente. Le nonne dicono che per sapere se è pronto, bisogna “specchiarsi dentro”: a questo punto il tutto può essere versato in contenitori di vetro, o, come si faceva una volta, nei vasi di terracotta. Questo processo di trasformazione permette di conservare a lungo il burro, che assume un colorito giallo intenso. 

 

 

 

 

 

 

 

OLIO DI NOCI 

Al giorno d’oggi l’olio di noci è ottenuto tramite spremitura a freddo, tecnica che permette di mantenere le caratteristiche gustative ed olfattive tipiche della materia prima. Un tempo invece, la pasta ottenuta dalla macina dei gherigli veniva scaldata e mescolata per poi essere messa nel torchio. Il residuo solido della torchiatura si chiama troillet, un panetto color nocciola; questo veniva usato per l’alimentazione degli animali, ma è buonissimo da mangiare, o meglio, da rosicchiare, soprattutto se vi si aggiunge un po’ dizucchero.

L’olio di noci, come ingrediente di sfiziose ricette, si presta per condire insalata,esalta aromi e gusti delle pietanze che accompagna: carne cruda, pesce, verdure grigliate, formaggi delicati.

 



Torna su