Manutenzione straordinaria infrastrutture (a sportello aperto)

L'Assessorato agricoltura e risorse naturali informa che con deliberazione della Giunta regionale n. 150 in data 22 febbraio 2021 sono state approvate le modalità di presentazione da parte dei consorzi di miglioramento fondiario delle domande di aiuto per la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria urgenti, ai sensi della l.r. 17/2016, articolo 18, comma 1, e dei relativi criteri di concessione dei contributi.

I criteri di concessione degli aiuti, per una maggiore chiarezza espositiva, sono suddivisi in una serie di allegati:

  • Allegato 1, disciplina i beneficiari, gli interventi ed i costi ammissibili a contributo, la presentazione della domanda, le procedure di affidamento, ecc;
  • Allegato 2, con lo scopo di valorizzare le attività progettuali dei consorzi di miglioramento fondiario, stabilisce dei criteri di valutazione dei progetti sulla base del programma “Analisi territoriale delle condizioni di efficienza ed efficacia della rete minore idraulico-agraria” già utilizzato da altre strutture dell’Amministrazione regionale. Tale programma può essere usufruito anche dagli stessi richiedenti per un’autovalutazione preliminare e verificare così se vi sono le condizioni di ammissibilità al sostegno;
  • Allegato 3, offre la possibilità di effettuare la valutazione di progetti inerenti alla viabilità rurale, fintanto che un’implementazione del sopra citato programma non interessi anche dette infrastrutture. Ad ogni buon conto gli uffici della struttura sono a disposizione per qualsiasi ragguaglio in merito;
  • Allegato 4, definisce la documentazione da allegare alle domande e i contenuti progettuali;
  • Allegato 5, descrive i compiti e le attività dei soggetti coinvolti nel procedimento;
  • Allegati 6 e 7, propone dei fac-simili utilizzabili dal progettista e dal direttore dei lavori.

Alcuni allegati alla DGR 150/2021 sono stati modificati dalle deliberazioni della Giunta regionale n. 165 del 21 febbraio 2022 e n. 892 dell'8 agosto 2022. Le prime modifiche si sono rese necessarie, anche sulla base della casistica presentata, per una migliore gestione degli interventi, mentre le seconde mirano a fronteggiare l'emergenza irrigua e a contenere il pesante impatto dell'aumento dei prezzi dei materiali di costruzione. In particolare, le novità introdotte dalla DGR 892/2022 riguardano la previsione, tra gli interventi ammissibili a contributo, del rifacimento o della costruzione ex novo di piccole infrastrutture irrigue, l'aumento dell'importo massimo della spesa ammessa a contributo, alzato a 75 mila euro, e la possibilità di proporre progetti ogni due anni. Per facilitare la lettura dei contenuti delle delibere è a disposizione degli utenti un testo della DGR 150/2021 che comprende le modifiche apportate dalla DGR 165/2022 e dalla DGR 892/2022 ("Testo coordinato).

Si ricorda che la presentazione delle domande avviene a sportello aperto, nel corso dell'intero anno, e che il tasso di aiuto previsto è quello massimo stabilito dalla l.r. 17/2016, vale a dire il 90% della spesa ammessa a contributo. Il consorzio di miglioramento fondiario ha la facoltà, prima di presentare la domanda di contributo, di richiedere un sopralluogo, non obbligatorio, per una valutazione preventiva di proposte, soluzioni tecniche, criticità e urgenza inerenti i lavori da realizzarsi. L'eventuale richiesta di sopralluogo, le domande e le successive richieste a queste correlate dovranno essere trasmesse per per Posta Elettronica Certificata (PEC) del consorzio richiedente all'indirizzo agricoltura@pec.regione.vda.it

 

Agricoltura



Torna su